Il parco dei Colli Euganei

Il Parco Regionale dei Colli Euganei si estende su un'area collinare di origine vulcanica di circa 18 mila ettari.
Querce secolari e boschi di castagno si alternano alla macchia mediterranea e ad ampi terrazzamenti coltivati a vigneto o a frutteto. Antichi borghieremi e raffinate architetture di sontuose Ville Venete raccontano secoli di storia, di arte e di tradizione.

E' possibile visitare borghi medievali come Arquà Petrarca, già conosciuta dal poeta medievale Francesco Petrarca che scelse la località per trascorrere i suoi ultimi anni, ma che fu visitata anche da Lord Byron e Ugo Foscolo; è altresì possibile visitare città murate come MonseliceEste e Montagnana; luoghi di culto come l'Abbazia di Praglia dei monaci benedettini o l'Abbazia di Carceri, o ancora, per i più atletici è consigliata una camminata sul Monte Venda per ammirare le rovine del Monastero degli Olivetani e il panorama che si gode dal colle più alto del comprensorio euganeo.

La fastosità della vita borghese di un tempo è vivibile nelle ville che hanno mantenuto nei secoli il loro fascino come Villa Emo Capdilista, Villa Barbarigo o il Castello del Catajo. O perché non perdersi nei piccoli paesini incastonati sui colli dove il tempo sembra essersi fermato alla genuina vita contadina di decenni fa: l'antico feudo di Baone e Villa Beatrice d'Este, Cinto Euganeo e il complesso di archeologia industriale Cava Bomba oggi sede di un importante museo dei fossili.

 

Il Parco Regionale dei Colli Euganei è fruibile in auto, apiedi o in bicicletta, scegliendo tra le diverse strade panoramiche che ne risalgono i versanti e gli oltre 20sentieri attrezzati che ne costituiscono la rete esplorativa. Sono numerose le attività fisiche che si possono praticare: semplici passeggiate a piedi, piccole gite in bicicletta, mountain bike e downhill per i più temerari; ma anche golf ed equitazione. Presso l'Hotel Esplanade Tergesteo è possibile giocare a tennis oppure approfittare della grande piscina esterna per una sana nuotata.
Per i cultori della buona cucina è d'obbligo una pausa ristoratrice in uno dei numerosi agriturismi o enoteche o trattorie dei Colli Euganei: un piatto di bigoli al sugo d'anatra accompagnato da un buon bicchiere di vino sono un ottimo modo per conoscere il territorio e le specialità culinarie. Le origini della cucina locale sono strettamente legate alla cultura contadina la cui testimonianza è tuttora tangibile, dalla zuppa di fagioli alle tagliatelle fatte in casa, dagli insaccati alle grigliate di carne; il tutto condito da un filo di olio extravergine e dai vini locali. Le varietà di vini DOC della zona sono ben tredici e sono tutti rigorosamente controllati dal Consorzio Vini dei Colli Euganei.